Perderne uno o più e' legato al rischio di malattie cardiovascolari

Sfoggiare una dentatura sana è il segreto non solo del sorriso ma anche per un cuore in salute, infatti una ricerca mostra che aver perso uno o più denti (per cause non traumatiche) si associa a maggior rischio di sviluppare malattie cardiovascolari negli anni a venire.
Condotto presso l'Università Islamica Imam Muhammad bin Sa'ud, lo studio è stato presentato a Dubai nel corso della Conferenza mediorientale dell'American College of Cardiology.

Leggi tutto...

La Carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto e dentina) legata a cause differenti, nella maggioranza dei casi per azione batterica. Ciò che accede è inizialmente una demineralizzazione dello smalto, ossia della parte più esterna del dente. Lo smalto è un tessuto molto resistente, nonché il più duro del nostro organismo, e proprio per questo motivo, la forte struttura è piuttosto lenta a perforarsi. La distruzione dello smalto è correlata all’acidità localizzata, causata principalmente dal metabolismo batterico, quanto al calo generale del pH del cavo orale. Difatti l’azione anche di un acido debole, come appunto l’acido lattico prodotto dai batteri, porta a dissoluzione dei cristalli di carbonato di calcio, dunque dello smalto stesso. Allo stesso modo, una dieta ricca di zuccheri o disturbi alimentari caratterizzati da rigurgiti frequenti, rap

presentano fattori di rischio.

 

Leggi tutto...

Come ho avuto già modo di spiegare in un precedente articolo (L'igiene orale domiciliare: spazzolino e dentifricio) un’adeguata igiene orale si realizza mendiate l’uso corretto dello spazzolino , in particolar modo se elettrico, per rimuovere la placca e del dentifricio per facilitarne la sospensione delle particelle di sporco.

Partiamo dalla scelta del dentifricio: le diverse tipologie in base alla composizione possono aiutare in base alla problamatica specifica.

Le paste dentifricie fluorate riducono la formazione di carie del 33,3% rispetto ai dentifrici privi di fluoruri. Anche le paste contenenti casein-phosphopeptide-amorphouse-calciumphosphate contribuiscono ai processi di remineralizzazione delle superfici dentali.

Nel caso di infezioni parodontali in corso è consigliabile un dentifricio con aggiunta di un antibatterico come la clorexidina o il Triclosan, utile anche per ridurre il cattivo alito.

Il fluoro, come già detto in altri articoli, è un ingrediente importante, ma non si deve esagerare: la dose giornaliera consigliata dall’American Dental Association per una persona adulta è di circa 3,5 mg (3 per le donne, 4 per gli uomini), mentre un’assunzione di fluoro superiore ai 10 mg al giorno induce una fluorosi. Se si considera che una comune pasta dentifricia fluorata contiene circa 1.500 mg di ioni fluoruro per ogni chilogrammo di dentifricio, dunque in 1 grammo di pasta sono presenti 1,5 milligrammi di fluoruri, visto che la quantità massima di dentifricio che può essere depositata su uno spazzolino è di circa 1,5 grammi, significa che tramite lo spazzolamento dei denti si possono assumere al più 2,25 milligrammi di fluoruri e che per raggiungere la dose pericolosa ci si dovrebbe lavare i denti almeno 5 volte al giorno, mentre la maggioranza delle persone non supera le 3 volte.

Nel caso si abbia una repulsione nei confronti della medicina e si preferisca rimedi cosiddetti “naturali”, è possibile consigliare l’utilizzo della Salvadora Persica, una pianta particolarmente ricca di fluoruri (come dimostrato nel 1997 dal dottor Hattab dell’Università di Scienza e Tecnologia della Giordania). Dai rami e dalle radici, che possono anche essere masticati come fossero radici di liquirizia, si ottiene una pasta dentifricia.  Esistono diverse paste pronte in commercio, anche in Italia, oppure si può acquistare la radice della pianta. Naturalmente, questa pianta non offre risultati altrettanto buoni rispetto ai comuni dentifrici, ma è comunque un’alternativa ed una valida fonte di fluoruri.

Nei bambini sotto i 9 anni (che quindi hanno presumibilmente ancora alcuni denti da latte), sempre secondo l’American Dental Association, è consigliabile non esagerare con i dentifrici fluorati. Una volta al giorno può essere sufficiente, per le altre occasioni conviene usare dentifrici senza aggiunta di fluoro.

In particolar modo, specie se l'alimentazione è già ricca di questo minerale, l'ingestione ripetuta di piccole dosi di dentifricio può portare alla fluorosi. Si tratta di una patologia che determina un’alterazione della struttura dello smalto che si manifesta con macchie dapprima bianche e poi scure sulla superficie del dente. Per questo motivo, ai genitori è consigliabile un'accurata supervisione della quantità di dentifricio utilizzata dal bambino nei primi anni di vita; la dose da utilizzare a questa età deve essere minima, circa la dimensione di un pisello (pea-size).

I bambini che non risultano particolarmente propensi alla pulizia dei denti possono essere facilmente convinti tramite l’utilizzo di dentifrici dolcificati con polialcoli (xilitolo ed eritritolo).

Spesso presente, anche nei chewing-gum, lo xilitolo è uno zucchero dal potere dolcificante molto simile a quello del saccarosio, ma dal contenuto di calorie più ridotto. Pur essendo uno zucchero presenta dei benefici per la salute dei denti e della bocca. Difatti lo Streptococcus mutans, principale batterio responsabile della carie, si nutre del glucosio presente in bocca grazie al cibo, ma non può utilizzare lo xilitolo. Quindi anche sostituire lo zucchero con lo xilitolo potrebbe aiutare a tenere a bada questo batterio. Lo xilitolo sarebbe inoltre in grado di bloccare il metabolismo dei batteri, soprattutto per quanto riguarda la loro capacità di ricavare energia dal glucosio. In uno studio pubblicato sull'Iranian Journal of Microbiology si è osservato che lo xilitolo aiuta a ridurre i batteri nocivi presenti nel cavo orale dal 25 al 75% mentre non ha effetto sui batteri utili. Inoltre accresce la produzione di saliva e ne riduce l'acidità, aiutando così a prevenire e ridurre le carie, accanto all'infiammazione delle gengive.

Sia il fluoro che i polialcoli sono però sconsigliati nei primi 12 mesi di vita, perché non se ne conosce ancora appieno l’effetto.

Anche l’idropulizia con soluzione acquosa di bicarbonato di sodio o con l’aggiunta di fluoruro di sodio (reperibile in pastiglie) può essere utile per rimuovere la placca batterica e remineralizzare la dentatura. Tuttavia, è necessario non esagerare, perché il bicarbonato potrebbe risultare troppo abrasivo e dunque danneggiare i denti.

Riguardo alla quantità di dentifricio da utilizzare, la sensazione di freschezza regalata da dosi importanti di dentifricio può dare l'illusione che i denti siano stati perfettamente puliti, quando in realtà non lo sono. Troppo dentifricio, infatti, produce molta schiuma e tende ad irritare le mucose, inducendo a sputare dopo pochi secondi dall'inizio dello spazzolamento; chiaramente, se a ciò non fa seguito la ripresa dello spazzolamento, l'igiene orale risulterà incompleta. L'utilizzo per pochi secondi dello spazzolino non è in grado di rimuovere efficacemente la placca su tutti i denti; non a caso, è raccomandato di spazzolare i denti almeno due minuti, spazzolando un dente per volta senza passare velocemente da uno all'altro.

Comune è anche l'abitudine di utilizzare troppo dentifricio nella convinzione che questo possa combattere l'alito cattivo. In realtà il dentifricio non cura la causa del problema, ma ne annulla semplicemente gli effetti, andando a mascherare temporaneamente i cattivi odori. Questi, come sappiamo, sono prodotti dalla flora microbica residente nei denti e soprattutto sul dorso della lingua.

Il tipo di spazzolino, insieme alla durata e alla tecnica di spazzolamento sono quindi ben più importanti della quantità di dentifricio impiegata.

Ingenti quantità di dentifricio ad azione abrasiva, soprattutto laddove c’è una maniacale cura dell’estetica oltre che dell’igiene orale, provoca un continuo danno erosivo sulla superficie dello smalto favorendo l’esposizione della dentina. La conseguenza è una maggiore sensibilità oltre che una peggiore estetica, perdendo la lucentezza dell’elemento dentario che assumerà un colore più scuro, proprio degli strati più interni del dente.

 

Ed eccoci a riprendere un concetto più volte citato:“Prevenire è meglio che curare

Una regola cardine della medicina moderna che vale allo stesso modo per la salute orale. Carie e parodontiti possono essere evitate mantenendo la bocca in uno stato di buona salute e comunicando immediatamente al proprio odontoiatra ogni sintomo di una potenziale infezione o del danneggiamento di un dente. (Igiene Orale)

La prevenzione, tuttavia, è un suggerimento che, secondo le statistiche, troppi tendono a non seguire.

Leggi tutto...

Più volte mi sono trovato a descrivere l’efficacia degli spazzolini elettrici rispetto ai manuali, specificando che, già solo per la maggiore semplicità di utilizzo, i primi garantiscono migliore pulizia rispetto alle più complesse modalità di spazzolamento manuali. Quello che talvolta può sembrare un’indicazione prettamente commerciale sul tipo di spazzolino elettrico da acquistare, in realtà segue lo studio delle differenti tipologie di spazzolini elettrici e della loro efficacia a confronto.

Comincio col dire che se fino a un decennio fa, lo spazzolino elettrico era considerato un elettrodomestico “di lusso”, con prezzi proibitivi per molti, oggi è possibile trovare molti modelli economici, grazie ai quali si può ottenere una pulizia profonda spendendo circa dai 15 ai 120 euro. Tuttavia, va precisato che i modelli più accessoriati offrono anche una maggiore potenza elettrica che si traduce in maggiore velocità di rotazione, maggiori pulsazioni al minuto, e quindi risultati migliori.

Sono diverse le tipologie presenti sul mercato, dai modelli più economici ai più professionali:

- Spazzolini elettrici a batteria (solitamente stilo), in genere funzionano con 4.500 oscillazioni al minuto e tutti hanno la testina intercambiabile.

- Spazzolino elettrico ricaricabile con azione di spazzolamento con movimento 3d oscillante, rotante e pulsante, dalle 7000 e più oscillazioni e 20.000 e più pulsazioni al minuto.  Alcuni di questi presentano anche un timer che segnala il giusto tempo di utilizzo.

- Spazzolino elettrico idropulsore, con il getto d’acqua a pulsione che consente di pulire anche i più piccoli residui di cibo. Annesso a questo modello vi è il contenitore per l’acqua, solitamente con 600 ml di capienza.

-Spazzolino elettrico integrato, idropulsore e spazzolino con setole.

Quasi tutti i modelli ormai utilizzano la tecnologia oscillante-rotante, che consente di avere denti veramente più puliti e sani, soprattutto se abbinati ad una buona pasta dentifricia. Esistono anche i modelli per bambini, colorati ed ergonomici. Questo indubbiamente può aiutare a convincere anche i piccoli più restii a prendere l’abitudine di lavare i denti.

Leggi tutto...

Home | Informativa | Privacy | Mappa del sito

dottori Giuseppe e Franco Mercurio  

81043 Capua (CE) Via Brezza P.co dei Cedri - Tel . 0823 963229 - 333 7358718 Fax 0823963229 81041 

Vitulazio (CE) Via Luciani,41 - Tel.: 0823 1831624

 mercurio@smilest.it - www.smilest.it  
P.I. 03689400616

Copyright © 2014-2019 All Rights Reserved.

Siamo su Google Plus
Trovaci su Facebook
Seguici su Twitter

Questo sito utilizza cookie per migliorare la navigabilità del software web e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.